La Pacciamatura

La realizzazione di una nuova aiuola ornamentale presenta delle notevoli criticità legate al rischio di invasione da parte di specie infestanti e ruderali. Il rischio è massimo nel primo anno e va via via riducendosi mano a mano che le specie di nuovo impianto si accrescono, chiudono gli spazi vuoti ed aumentano la loro competitività.

La lotta alle infestanti viene comunemente condotta ricorrendo alla copertura artificiale del terreno nudo con materiali aventi la funzione di oscurare il suolo ed inibire il germogliamento e la crescita di infestanti. Tale tecnica prende il nome di pacciamatura.

Negli anni, i materiali pacciamanti che si sono rivelati più efficaci per il controllo delle erbacce sono stati i tessuti in materiali plastici a causa della durabilità nel tempo, dell’intenso oscuramento, della resistenza meccanica e della facilità di posa. Gli stessi hanno però anche dimostrato di avere i peggiori effetti collaterali, in particolare creano ostacolo all’infiltrazione dell’acqua ed hanno un’estetica molto impattante, soprattutto quando un principio di degradazione meccanica o chimica causano lacerazioni e sfilacciamento. Da questo momento si aggiunge un problema di inquinamento ambientale da plastiche e microplastiche.